L’Errore di Cartesio – 16 Febbraio 2017

Un salto nel tempo, questa ottava puntata, a cavallo tra due secoli, la fine dell’800 e l’inizio del ‘900. La caduta di un grande Impreso, quello Asburgico, e, con esso, dei suoi valori tradizionali: lo stato paternalistico, l’esercito guardiano del potere, il cattolicesimo, la famiglia a dominanza maschile…

Altri  elementi si intrecciano: alcune tensioni innovative presenti nella cultura psichiatrica, l’bbandono della descrizione newtoniana della natura, il capovolgimento profondo che la fisica stava operando nelle nozioni di spazio e di tempo, la messa in crisi dell’immagine di un mondo reso trasparente attraverso l’applicazione di leggi causali e di principi assoluti.

Insomma sono gli anni della messa in discussione dell’oggettività assoluta del mondo…

I segni del cambiamento si mostrano soprattutto nella capitale, Vienna, dove nel suo studio della Berggasse 19, Freud esercitava la professione di psicoanalista, lavorando alla costruzione di un nuovo sapere.

 

Puntata avvincente, densa, efficace grazie alla compagnia e alla professionalità della dott.ssa Annalisa Bucciol e del dott. Massimiliano Paparella, psicoanalisti.

… nella prossima puntata…. tornano gli esperimenti di psicologia sociale, vi racconteremo qualcosa degli studi di Milgram e Zimbardo… sempre di giovedì, sempre su Viviradio, sempre alle 20.30…